dassu

 Giorgio Piacenza (Torino, 1910 – 1969),

                  industriale nel campo della moda,

                  ha voluto dedicarsi anche alla pittura,

                  prima come allievo di Giulio Da Milano,

poi, cononosciuto tramite Franco Garelli il critico Tapié ed il suo entourage di artisti che si coagulavano intorno all’International Center of Aesthetic Research (fondato a Torino nel 1960), si interessa all’arte astratta come mecenate e collezionista di pitture e sculture di giovani artisti giapponesi, francesi, tedeschi e italiani

 [tratto da ArsLife – critica ed economia dell’arte]

Copyright 2017 | Marina Mancini